arrow-nextarrow-nextby-croccocalcolo-emissionicompensazione-emissioniemailfaxgreen-marketinghomeinfolinklogo-croccologo-en-negativelogo-en-negativelogo-it-negativelogo-it-negativelogo-greenside-no-taglinephoneriduzione-emissionislider-next-arrowslider-prev-arrow
Greenside by Crocco

Riduzione di spessore degli imballaggi

La norma Europea EN 13428 prevede che vi sia la prevenzione per riduzione alla fonte, intesa come minimizzazione del peso e/o volume degli imballaggi già in fase progettuale.

La Crocco ha da sempre perseguito questo obiettivo perché è uno dei pochi casi in cui l’osservanza della norma porta dei benefici economici sia al produttore che all’utilizzatore.
In generale la minimizzazione di peso e volume si ottiene con la ottimizzazione della larghezza di fascia del film utilizzato ma anche e soprattutto con una riduzione di spessore.

La riduzione di spessore di un imballaggio,affinchè sia significativa,richiede il coinvolgimento della ricerca e sviluppo di Crocco per l’individuazione di nuovi polimeri con performance più elevate che compensino la minore quantità impiegata,lo sviluppo o cambio di tecnologia per produrre il manufatto che normalmente richiede forti investimenti,la verifica con il cliente del suo parco macchine per capire se sia in grado di gestire un film con sempre più ridotti margini di compensazione, tradizionalmente legati al maggior spessore.

E’ quindi un processo che vede necessariamente coinvolta tutta la filiera.
L’abbassamento di spessore comporta una manutenzione continua e puntuale sia degli impianti di produzione che della macchina utilizzatrice poiché le tolleranze intrinseche sono molto ristrette così come i margini di manovra.

Se vengono soddisfatti questi requisiti l’abbassamento di spessore sarà immediatamente valutabile e significativo per l’economicità dell’intero sistema.
La riduzione di spessore porta ad una minore quantità di film in termini di peso per unità imballata e quindi necessariamente ad una diminuzione della emissione di CO2 equivalente.